Legge 81/08: cosa dice e quali sono gli obblighi del datore di lavoro?

Legge 81/08: una guida per interpretarla al meglio

La legge 81/08, conosciuta anche come Testo unico in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro o TUSL, è un complesso di norme in materia di sicurezza e salute sul luogo di lavoro: composta da 306 articoli, va a riunire ed armonizzare le disposizioni precedenti, stratificatesi per oltre 60 anni.

La legge 81/08 introduce alcune novità, riferite principalmente alla prevenzione dei fattori di rischio e alla loro riduzione e all’individuazione delle figure aziendali scelte a questo scopo.

Legge 81/08: ecco quali sono gli obblighi del datore di lavoro

Nel Testo Unico vengono previsti compiti specifici per il datore di lavoro: con questa figura viene indicata la persona che ha la responsabilità dell’organizzazione stessa e che esercita poteri decisionali e di spesa.

In materia di sicurezza, il datore di lavoro è genericamente obbligato ad assicurare il benessere psico-fisico dei dipendenti e, nello specifico, a valutare i rischi che i lavoratori della sua azienda corrono o potrebbero correre. Uno dei precisi obblighi del datore di lavoro è la redazione del Documento per la Valutazione dei Rischi, DVR, che è l’attestazione di tutte le misure di prevenzione e sicurezza che vengono adottate all’interno dell’azienda. Secondo la legge 81/08, il datore di lavoro è anche obbligato a controllare che i suoi dipendenti rispettino le norme antinfortunistiche.

Il datore di lavoro, a seconda delle dimensioni della sua azienda, potrà avvalersi di figure di supporto: i dirigenti, ad esempio, condividono con lui parte delle responsabilità ed esiste la figura specifica del preposto per la sicurezza, che ha il potere di far rispettare le disposizioni che sono state date.legge 81 08

Nelle aziende esistono altre figure di riferimento per la sicurezza, che agiscono sempre da supporto al datore di lavoro e/o ai colleghi: l’RSPP (Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione), l’ASPP (Addetto  al Servizio di Prevenzione e Protezione) e l’RLS, il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza. 

La legge 81/08 disciplina anche l’aspetto della formazione: ogni dipendente deve seguire un corso di formazione sulla sicurezza sul lavoro, in un numero di ore variabili a seconda del tipo di azienda per la quale lavora, corso che deve essere aggiornato almeno ogni 5 anni. Ogni figura di riferimento per la sicurezza deve aver portato a termine uno specifico corso di formazione, a partire proprio dal datore di lavoro.

I corsi possono essere svolti in modalità telematica: l’importante è rivolgersi ad una piattaforma seria e certificata. Tutor81 offre un vasto catalogo di corsi di formazione per la sicurezza sul lavoro: basta andare sul sito e scorrere l’offerta.

Share on facebook
Facebook
Share on linkedin
LinkedIn

PROVA TUTOR81

Ricevi subitoi un ingresso amministratore valido per 7 giorni

TUTOR81 – assistenza@tutor81.it